• DIAGNOSI DELLA MALATTIA CELIACA

    03/11/2014

    La celiachia è una malattia che deriva dall’intolleranza al glutine, contenuto nell’orzo e nel frumento, e quindi presente in molti alimenti principalmente pane e pasta. Compare più spesso nell’infanzia ma anche la manifestazione in età adulta non è infrequente.

    Nelle forme più gravi i sintomi sono importanti con presenza di diarrea, dimagrimento, osteoporosi, dolori addominali e manifestazioni varie; negli adulti e nelle forme meno avanzate i sintomi possono essere scarsi e limitarsi a lievi anemie.

    La terapia consiste esclusivamente nell’esclusione dalla dieta di alimenti contenenti glutine fino al completo ripristino della struttura dei villi intestinali ed il conseguente recupero della capacità di assorbimento da parte dell’intestino.

    La diagnosi di malattia celiaca viene posta in base al quadro clinico, alla presenza di anticorpi specifici e soprattutto al danno istologico dimostrabile con la biopsia duodenale.

    Gli esami di laboratorio sono fondamentali per il riconoscimento della malattia  e per il monitoraggio dei pazienti con celiachia già diagnosticata con dieta priva di glutine.

    Il Laboratorio VILLA MARIA esegue il dosaggio degli ANTICORPI GLIADINA DEAMIDATA, TRANSGLUTAMINASI e ENDOMISIO, oltre il test genetico HLA di classe II DQ2 e DQ8. Di seguito una breve spiegazione del significato di ciascun test.

    ANTICORPI GLIADINA DEAMIDATA - DPG IgG e IgA

    La determinazione dei DPG IgG può essere raccomandabile nei soggetti con deficit di IgA e nei primi anni di vita quando la classe anticorpale IgA può essere scarsamente rappresentata. Poiché è stato recentemente dimostrato che la sieroconversione degli anticorpi transglutaminasi avviene prevalentemente tra i 5 e i 7 anni di età, anche il dosaggio dei DPG IgA può essere raccomandato al disotto di questa fascia di età.

    ANTICORPI TRANSGLUTAMINASI – ANTICORPI  TTG 

    Rappresentano il marker sierologico più specifico nella diagnostica della malattia celiaca.

    La concentrazione nel siero degli anticorpi anti TTG nei soggetti sani è estremamente bassa, mentre aumenta progressivamente oltre i 20 anni di età seppure rimanendo ampiamente al di sotto del limite. Perciò un titolo anticorpale non lontano dal livello decisionale deve essere valutato con cautela e attentamente in rapporto all’età del paziente, essendo indicativo in taluni casi di inizio di sieroconversione.

    ANTICORPI ENDOMISIO – EMA

    La classe anticorpale anti-endomisio che da sempre ha dimostrato di correlare in maniera estremamente significativa con la malattia è la classe IgA, mentre la ricerca degli EMA di classe IgG viene quasi esclusivamente utilizzata per la diagnosi nei soggetti con deficit di IgA.

    La ricerca degli EMA è utilizzata sia nella diagnosi che nel monitoraggio dei pazienti in dieta, nel qual caso si assiste ad una progressiva scomparsa degli autoanticorpi circolanti nell’arco di 4-12 mesi .

    TEST GENETICO - HLA di classe II DQ2 e DQ8

    Il test genetico rappresenta una strumento affidabile per soggetti sintomatici con risposta anticorpale di dubbia interpretazione e per individui con familiarità positiva.

    Ha alto valore predittivo negativo, ossia un risultato negativo esclude la malattia, mentre un risultato positivo non implica necessariamente la presenza di celiachia, dal momento che DQ2 e DQ8 possono essere presenti anche nei soggetti sani.

    Per maggiori informazioni scarica l'allegato

     

    Allegato


Esami clinici A-Z

  • Servizi online

    Le prenotazioni possono essere eseguite telefonicamente, di persona o compilando il modulo di prenotazione on line.

    Prenota onlineRitira referto
  • Orari di apertura

    • Lunedì - Venerdì
      8.00 - 19.30
    • Sabato
      8.00 - 13.00
    • Domenica
      Chiuso